11 Dicembre

Pov

Quanto comunichiamo senza parole?

Dicembre 11, 2022

Author:

Antonella Mollia

Non abbiamo sempre bisogno di parole, vero? A volte un sorriso, la fronte aggrottata, una stretta di mano, un abbraccio, sono colmi di significato. Si chiama comunicazione non verbale e comprende l’infinità di modi attraverso i quali veicoliamo pensieri, stati d’animo, messaggi.

Ci sono sguardi, espressioni del viso, gesti, posture, prossemica, talvolta universalmente comprensibili.

Il linguaggio del corpo peraltro è un mondo interessantissimo, fatto di tante sfumature e spesso talmente istintivo da essere profondamente autentico e difficile da equivocare o smentire. Sapete che incide sulla nostra comunicazione nella misura del 55%? Moltissimo!

In effetti basta pensare ai piccoli e grandi momenti in cui sono proprio gesti ed espressioni a tradire e far trapelare nervosismo, gioia, eccitazione, curiosità.

Io che sono di indole impetuosa e irruente non nascondo bene gli umori neri e le tensioni, per esempio. Presumo mi si leggano davvero in faccia!

Possiamo “fare spallucce” per disinteressarci, possiamo “grattarci il capo” quando siamo perplessi…possiamo “fare il muso” quando siamo arrabbiati e serrare le mascelle quando tratteniamo a malapena una parolaccia.

E “il gesto dell’ombrello” sostituisce egregiamente un accompagnamento a quel paese!

Qualche volta possiamo usare qualche <smorfia> anche in modo scherzoso, naturalmente. Per gioco, in confidenza, con complicità, facciamo “marameo” poggiando il pollice della mano destra sulla punta del naso e chiudendo a pugno velocemente le dita tese.

Anche “fare la linguaccia” può essere un modo simpatico per prendere in giro un amico o un’amica ma…alle volte rientra tra i casi di LIBERAZIONE SILENZIOSA.

Pensateci bene. Immaginate le situazioni in cui tacete diplomaticamente ma siete come una pentola che borbotta fastidio e irritazione oppure quando siete costretti a riconoscere una ragione altrui ma vi urta la sua pignoleria o, ancora, quando l’educazione vi impone di tollerare ma il rospo fatica a passare dalla gola…

Sputare fuori la lingua allevia, solleva, conforta.

Bisogna però limitarsi a farlo mentalmente…è chiaro. Insomma fate la linguaccia senza farvi cogliere in fragrante!

Io ho sviluppato questa abilità nel tempo. È un metodo per scrollarsi di dosso un po’ di noia, di collera, di seccatura. E francamente anche un modo per sdrammatizzare e ironizzare su tutto e tutti, se stessi inclusi.

Ora, mi raccomando, non fatemi la linguaccia eh!

Ultime dal blog
Inarrestabile over 50

Inguaribile motivatrice delle Donne.

Autrice di “Non farti ingannare dall’età”.

 

Seguimi sui social

MOLLIA

STYLE